Riconoscere i fiori spontanei d'Italia e d'Europa

Riconoscere i fiori spontanei d'Italia e d'Europa

di: Margot Spohn, Roland Spohn

ISBN13: 9788866940234


Data pubblicazione: 10 Gennaio 2014


Pagine: 320



€ 22,86 anzichè € 26,90 Carrello


Edito da Ricca Editore

Formato pocket

Le guide naturalistiche di nuova generazione!
Per conoscere e identificare oltre 450 specie di fiori spontanei e selvatici di tutta Europa.

Per ciascuna specie descritta troverete indicazioni relative a habitatdistribuzione geografica, ma anche notizie interessanti su impieghistoriabiologia.

L’identificazione è facilitata da illustrazioni informative che pongono in risalto le caratteristiche più importanti. In particolare, la grande fotografia principale mostra l’aspetto tipico o un particolare tipico del fiore, mentre le altre immagini forniscono ulteriori dettagli significativi, rilevanti per l’identificazione della specie.

La colonna laterale, contenente testi e immagini, fornisce indicazioni su distribuzionehabitat della pianta, alcune caratteristiche salienti e un fiore tipico. Nel caso dei fiori descritti su un’intera pagina, infine, il box “Lo sapevate?” vi rivelerà ulteriori curiosità interessanti sulla specie in questione.


COME IDENTIFICO I FIORI?

Colore dei fiori: rosso, bianco, blu, giallo e verde/marrone
In questo libro i fiori sono suddivisi in cinque gruppi sulla base di una caratteristica molto facile da riconoscere anche senza possedere competenze botaniche: il colore dei fiori. Grazie alle barre colorate, le pagine relative a questi gruppi sono sempre facilmente rintracciabili.

Colore della corolla
La classificazione per colori suddivide i fiori nei gruppi rosso, bianco, blu, giallo e verde/marrone. La maggior parte delle specie si può inserire piuttosto agevolmente in uno di questi gruppi. Il colore tipico è più facilmente riconoscibile nei fiori completamente sbocciati.

Fiori con colori variabili
I fiori viola possono presentare diverse tonalità nello spettro compreso tra il rosso e il blu. Se nell’arco della loro intera fioritura tendono maggiormente al viola rosato, saranno classificati nella categoria principale dei fiori rossi, se invece virano al viola-blu, saranno inseriti nella categoria dei fiori blu. Vi sono però anche numerosi fiori che mutano colore nel corso del loro periodo di fioritura: in questi casi, o se una medesima specie può formare fiori di diversi colori, è consigliabile cercarla in tutte le categorie principali in cui potrebbe comparire.

Forme tipiche dei fiori
La forma di un fiore è uno dei suoi tratti distintivi più importanti. Perciò in questo libro i raggruppamenti per colore sono suddivisi in ulteriori sottogruppi, indicati da cinque disegni stilizzati visibili nella barra colorata ai lati delle pagine. I disegni stilizzati simboleggiano la forma tipica della corolla e il numero dei petali da cui è formata. All’interno di questi sottogruppi, le singole parti di un fiore possono assumere conformazioni diverse o anche essere del tutto assenti, perciò si tenga sempre presente che molti fiori possono esibire un’ampia varietà di aspetti effettivi.

riconoscere fiori spontanei selvatici petali colori forme tipiche

Disposizioni tipiche dei fiori
Oltre a colore e forma, un altro elemento importante per l’identificazione dei fiori è la loro disposizione sul fusto. Alcuni fiori crescono infatti solitari, mentre altri formano raggruppamenti caratteristici. La struttura di tali infiorescenze appare particolarmente tipica quando le corolle sono nel pieno della fioritura, e in alcuni casi anche quando le prime di esse stanno appassendo o sono già sfiorite.

Portamenti tipici
Pur condividendo un’analoga struttura di base, i fiori presentano forme di crescita molto variabili. Elementi importanti sono la durata del ciclo vitale e il modo in cui queste specie superano l’inverno. Per quanto riguarda le piante erbacee, possiamo contrapporre le specie annuali e biennali a quelle perenni, che in inverno si ritirano praticamente del tutto sotto terra in modo da svernare sotto forma di rizomi radicali, bulbi o tuberi. Alberi e arbusti invece, in quanto piante lignificanti, lasciano svettare verso il cielo i loro tronchi e rami anche in inverno. Oltre a questa classificazione, esplicitata per ciascuna specie nelle indicazioni sintetiche che ne seguono il nome, il portamento della pianta è determinato anche dalla direzione della crescita e dalla ramificazione dei fusti.

Le foglie delle piante fiorite
Dopo i fiori, tra gli elementi distintivi più importanti per una pianta fiorita troviamo le foglie. Oltre all’aspetto di una singola foglia, ai fini dell’identificazione può essere importante anche la disposizione delle foglie lungo il fusto.

Forme della lamina fogliare
Le varie forme che le foglie possono assumere sono riconducibili a una serie di forme fondamentali.

Fillotassi (disposizione delle foglie)
La disposizione delle foglie lungo il fusto segue pochi schemi principali, che sarà molto utile conoscere per procedere a una corretta identificazione delle specie. A questo scopo andrà preso in esame non l’apice del fusto, ma una sua porzione più bassa.


Altri volumi sui fiori

Che fiore è questo?

Fiori delle Alpi

Riconoscere i fiori d'Italia e d'Europa



Collane

Autori

Decrescita Felice

Novità

Newsletter

Recensioni